Unghie eleganti e curate con smalti semipermanenti

Unghie eleganti e curate con smalti semipermanenti

Gli smalti semipermanenti per la ricostruzione delle unghie superano la manicure tradizionale. Infatti questi smalti, visivamente risultano essere molto sottili ma richiedono necessariamente l’asciugatura in lampada UV/LED. Il risultato che ne consegue è una manicure molto più duratura, tra i dieci e i quindici giorni, in alcuni casi anche di più.
Ovviamente questo trattamento non va confuso con la ricostruzione che, come ne fa dedurre il nome, è finalizzata alla creazione di unghie nuove, inoltre gli smalti semipermanenti possono essere tranquillamente utilizzati anche da chi non è esperto e si sta cimentando per la prima volta.

Come si utilizzano gli smalti semipermanenti?

Per poter utilizzare questi tipi di smalti bisogna acquistare alcuni prodotti correlati che sono necessari alla riuscita del trattamento. Spesso tutto l’occorente viene racchiuso in kit che rendono più semplice l’acquisto dei vari elementi; di solito all’interno è possibile trovare un detergente che serve a sgrassare l’unghia, un primer necessario per preparare il letto ungueale all’applicazione dello smalto, una base per far aderire lo smalto, una lampada UV/LED e in alcuni casi anche uno smalto colorato semipermanente. Delle volte può essere necessario acquistare altri elementi da parte come buffer o pennelli che non sempre vengono compresi nei kit perché trattasi di elementi un po’ più specifici. Il contenuto spesso varia anche in base al costo del kit che può risultare più o meno completo.
Per applicare correttamente lo smalto semipermanente è necessario disinfettare accuratamente le mani, dopodiché spingere le cuticole e se necessario rimuoverle.
Fatto ciò si passa all’applicazione del primer, passaggio necessario perché questo prodotto garantisce la durata dello smalto; si applica poi la base che va asciugata in lampada, stesso procedimento per lo smalto semipermanente autolivellante. Una volta trascorso il tempo necessario, lo smalto risulterà lucido.
Rimuovere lo smalto semipermanente è molto semplice, infatti basta creare degli impacchi con solvente e pads micellari da tenere in posa per qualche minuto sulle unghie, una volta rimossi la maggior parte dello smalto verrà via come una pellicola. Per i piccoli residui basta limare delicatamente la superficie fino alla rimozione completa del colore.

Altri tipi di semipermanenti e dove acquistarli

In commercio, oltre ai semipermanenti tradizionali, esistono dei semipermanenti one step che non necessitano dell’applicazione della base e vanno stesi direttamente sulle unghie, rendendo il trattamento ancora più rapido, inoltre è possibile acquistare delle basi pell off, le quali renderanno la rimozione dello smalto molto più semplice.
La comodità nello scegliere e preferire questo trattamento alla ricostruzione è che, essendo facilmente rimovibile, non deve essere necessariamente portato per lunghi periodi di tempo e quindi si può variare con i colori a proprio piacimento.
Acquistare kit o smalti semipermanenti è semplice, infatti essi sono reperibili sia su vari e-commerce su internet o anche su siti di aziende professionali, ma anche in negozi autorizzati alla vendita di prodotti estetici.

Consigli utili

Per un’applicazione corretta e per ottenere risultati professionali anche a casa propria è necessario avere a disposizione tutti gli elementi utili, inoltre sarebbe utile seguire qualche corso online o anche dei video tutorial su varie piattaforme che spiegano passo passo come avere una riuscita ottimale.