Come ottenere il visto turistico per l’Australia

Come ottenere il visto turistico per l'Australia

L’Australia è da sempre una delle mete più desiderate per la maggior parte dei turisti e degli avventurieri. C’è chi sogna addirittura di trasferirsi là per tutta la vita. Sara il fatto che che nei documentari appare sempre così selvaggia e così straordinariamente naturale, con i suoi spazi sconfinati, la natura che prevale sempre sull’uomo in modo positivo e benefico, le altissime e azzurre onde dell’oceano.

Questa isola sembra realmente un paradiso terrestre in cui tutti vorrebbero approdare. Ma quali sono le modalità oggi per poter ottenere un visto turistico per l’Australia?

Cercheremo di spiegarlo in semplici passi nelle prossime righe.

Come ottenere il visto turistico per l’Australia

L’Australia è da sempre un paese all’avanguardia sotto moltissimi punti di vista e anche per la richiesta del Visto riesce tutt’oggi a distinguersi. Dal 2008, difatti, l’unica modalità per la richiesta di tale documento è quella di effettuare la domanda on line direttamente sul sito dell’immigrazione australiana www.border.gov.au, attraverso una procedura chiamata eVisa. Non facciamoci spaventare da questo metodo poiché in Australia la burocrazia funziona molto bene e molto rapidamente e questo sistema è stato voluto proprio per velocizzare e semplificare le domande. Una volta creato il proprio account (IMMIAccount, per la precisione) si devono poi inserire le proprie informazioni personali, il proprio indirizzo email e i dettagli del proprio passaporto. Una volta fatto ciò, uno speciale strumento detto Visa Finder aiuterà a scegliere il visto che più risponde alle proprie esigenze, dopo di ché si pagherà uno quota che varia in base al tipo di visto richiesto.

Quali tipi di visto esistono per l’Australia?

Fra i tipi di visto che si possono scegliere per recarsi in Australia abbiamo:

  • E-visitor Visa (subclass 651); esso è completamente gratuito, vale un anno e permette di rimanere in Australia fino a 3 mesi alla volta. É un visto ideato propriamente per i turisti e non permette di lavorare o seguire corsi di formazione oltre i 90 giorni in questo continente. Per ottenerlo, va richiesto mentre si è fuori dal territorio australiano e non può essere rinnovato.
  • Working Holiday Visa (subclass 417); è il visto che permette di farsi una vacanza lavorando. Per ottenerlo bisogna avere fra i 18 e i 31 anni. Esso costa 495 dollari australiani e permette di rimanere in Australia fino a 12 mesi, lavorando anche full time, a patto però che ci si fermi per un massimo di 6 mesi di impiego per lo stesso datore di lavoro. Se poi si completano almeno 88 giorni di manodopera presso una fattoria australiana di regioni ben determinate dell’isola, si potrà rinnovarlo per altri 12 mesi.
  • Student Visa (subclass 500); è invece il visto per gli studenti. Costa ben 629 dollari australiani e può essere richiesto da cittadini di qualsiasi provenienza. Per poterlo avere bisogna ovviamente iscriversi ad uno dei tanti corsi di studio che l’Australia propone. Con lo student visa si può anche lavorare part time (giusto per mantenersi) fino ad un massimo di 40 ore ogni 15 giorni.

Quanto tempo prima va chiesto il visto turistico per l’Australia?

Chi si appresta a muoversi verso l’Australia di solito lo fa con un certo anticipo rispetto alla data di partenza ed è pertanto anche cosa buona apprestarsi a presentare la domanda per la richiesta del visto senza andare troppo sotto data, in modo da non farsi trovare impreparati o da dover incorrere in spiacevoli contrattempi.

Una volta rilasciato il visto turistico per l’Australia ha validità di un anno a partire dal suo arrivo e, se tutto va bene, viene rilasciato in tempi davvero brevissimi dall’inoltro della richiesta.

Ricordiamo che tra i documenti necessari per ottenere il visto turistico australiano ci sono il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dal momento del previsto ingresso in Australia e una carta di credito/debito o un conto Paypal.

Non è obbligatorio avere una polizza assicurativa per malattie ed infortuni ma è fortemente caldeggiata.