Come sono fatti gli impianti elettrici in ambito civile

impianti elettrici in ambito civile

Sono sicuro che almeno una volta ti sia chiesto come fossero composti gli impianti elettrici civili, se adesso sei qui è semplicemente per soddisfare la tua curiosità e non rimarrai deluso!

Partiamo dalle basi, ogni impianto elettrico deve prima di tutto rispettare le normative imposte dallo stato affinché sia garantita una certa sicurezza durante l’utilizzo di questo.

Gli impianti elettrici civili, come sono strutturati e gestiti

Certamente all’interno della tua casa avrai un impianto elettrico ma non sempre si conosce la sua struttura o la sua gestione, ecco che ti mostrerò tutto ciò.

Quando si parla di impianto elettrico civile sicuramente si avrà presente al suo elemento più importante: la centralina.

La centralina è quell’elemento al quale vengono collegati tutti quanti i fili e si occupa dell’eventuale interruzione di luce in casi d’emergenza o semplicemente dello smistamento di correnti elettriche.

Se la centralina dovesse andare in sovraccarico si azionerebbe in maniera automatica l’interruzione di tutte le correnti elettriche dell’impianto senza eccessivi rischi se tenuta sotto controllo con gli appositi salva-vite cioè i sistemi di sicurezza obbligatori.

L’improvvisa interruzione di tale impianto potrebbe essere dovuta a diversi fattori ma uno dei principali è la potenza dell’impianto, questa viene infatti decisa stipulata all’interno dell’apposito contratto fatto con la società elettrica e il più delle volte dipende direttamente dalla grandezza dell’immobile.

Il valore minimo che deve supportare tale impianto è di 3 kW, sufficiente per appartamenti di 75 m², ovviamente è possibile disporre d’impianti elettrici con una maggiore potenza in base alle esigenze e in caso di necessità è possibile incrementare il voltaggio del proprio impianto domestico.

Quando si parla di impianti elettrici è inoltre necessario ricordarsi dei punti luce e delle prese elettriche da posizionare all’interno dell’immobile in base alle esigenze, infatti ognuno di questi apparecchi elettrici necessita di un interruttore o semplicemente di una presa di corrente così da poter trasferire la carica ad un altro dispositivo come il tuo smartphone.

Questi sono i principali elementi presenti in un impianto elettrico, ciò significa che prima di terminare tale lavoro devi assicurarti che soddisfi tutte le tue richieste e soprattutto che soddisfi le normative previste dalla legge al fine d’evitare possibili incidenti.

Impianto elettrico già presente all’interno della casa

Cosa succede quando decidi di trasferirti in una nuova casa precedentemente abitata con un impianto elettrico utilizzato già da tempo?

Questa è certamente una bella domanda poiché tale impianto rappresenta un grande rischio nel caso in cui non fosse a norma di legge.

In tal caso è tuo dovere prima di ogni cosa informarti riguardo l’anno in cui è stato inserito tale impianto elettrico civile poiché potrebbe risalire a decine di anni fa ed essere quindi molto pericoloso.

Inoltre è bene in questi casi controllare la copertura di ogni singolo filo poiché con il tempo tendono a deteriorarsi e potresti ritrovarti con dei fili scoperti.

Infine fai revisionare l’intero impianto esclusivamente da personale addetto a questo lavoro così da poter valutare le condizioni effettive di tale impianto domestico. Non improvvisarti un esperto del settore senza esserlo perché potresti correre enormi rischi perciò chiama un elettricista con una certa esperienza prima di fare un lavoro del genere.

Così facendo assicurerai alla tua casa una maggiore sicurezza e potrai disporre nuovamente le uscite per le prese elettriche e gli interruttori così d’adattarli alle tue esigenze.