Quali sono i migliori purificatori d’aria?

Quali sono i migliori purificatori d'aria

Uno strumento che è risultato essere utile negli ultimi tempi è sicuramente il purificatore d’aria. In commercio, tuttavia, ne esistono di diversi tipi, e per questo motivo è importante valutare tutti i fattori necessari per un buon acquisto. Per avere un’idea dei prezzi dei migliori purificatori d’aria del 2020 vi consigliamo questo sito www.migliorpurificatorearia.it.

In questa guida illustreremo come scegliere i migliori purificatori d’aria 2020 presenti sul mercato.

Migliori purificatori d’aria: come funzionano

Per prima cosa è fondamentale capire come funziona un purificatore d’aria e a cosa serve. Questo strumento ha l’obiettivo di filtrare l’aria dell’ambiente circostante rendendola più pulita ed eliminando eventuali batteri e gli odori cattivi. Generalmente è un prodotto elettrico, e funziona attraverso una ventola e un filtro, che ha il compito di rimuovere i batteri o le particelle inquinanti presenti nell’aria. Una volta che vengono aspirate, le particelle ormai ripulite vengono immesse nell’aria.

Migliori purificatori d’aria: in base a cosa sceglierli

Per effettuare un buon acquisto è necessario tenere a mente diversi fattori, che ci permettono di differenziare i purificatori d’aria presenti sul mercato e scegliere quello più adatto alle nostre esigenze.

Per prima cosa, è fondamentale valutare il sistema di purificazione, che serve specialmente per il filtraggio dell’aria. Al suo interno, possono trovarsi diversi tipi di filtri, primo fra tutti uno ionizzatore, che permette di produrre e rilasciare aria fresca e più pulita. Tra gli altri filtri, abbiamo l’HEPA, che ha una capacità di filtraggio pari quasi al 100%, e che deve la sua fama al fatto che riesca a trattenere e ripulire la maggior parte delle particelle inquinanti. Per effettuare un ottimo acquisto, dunque, è bene tenere a mente la tipologia di filtro di cui dovrà essere dotato il nostro purificatore.

Un altro criterio da prendere in considerazione è sicuramente la prestazione: i purificatori d’aria presenti sul mercato hanno in genere una potenza che non supera mai i 100 watt, ma che hanno una media che si aggira intorno ai 40-50. Tuttavia, alcuni possono scendere anche sotto i 30 watt. In base al tipo di prestazione vi sarà un consumo differente: prima di procedere all’acquisto prendi in considerazione il loro impatto energetico.

Ancora, è bene considerare il livello di rumore, in quanto un purificatore d’aria troppo rumoroso può causare fastidi. Il rumore si misura in decibel, e i purificatori d’aria più silenziosi hanno un livello di rumore inferiore ai 6 dB. Tra gli ultimi fattori da tenere in considerazione vi sono l’inquinamento dell’aria e la durata dei filtri. Nel primo caso, è bene scartare ogni purificatore d’aria che durante il suo funzionamento possa rilasciare dell’ozono, particolarmente irritante per i polmoni di bambini, giovani e adulti. Per quanto riguarda la durata dei filtri, invece, è bene ricordare che devono essere sostituiti con frequenza per evitare il malfunzionamento del prodotto, specialmente se si tratta di filtri HEPA o a carboni.

Migliori purificatori d’aria: perché è importante acquistarlo

Un purificatore d’aria svolge un’importante funzione, ovvero quella di filtrare le particelle inquinanti presenti negli ambienti della nostra casa e di rinfrescare l’aria. Ma quali sono queste particelle inquinanti?

Per prima cosa, l’aria è ricca di microrganismi, che non possono essere visti a occhio nudo e che comprendono virus e batteri, oltre che gli antigeni e la muffa. I microrganismi recano danni gravi alla nostra salute, per questo è bene liberarsene e filtrare l’aria con un dispositivo come un purificatore.

Ancora, l’aria è ricca di funghi, che possono causare danni alla nostra salute e anche di pollini, in quantità differenti. Questi sono solo alcuni dei motivi per i quali potrebbe essere utile acquistare un purificatore d’aria, ma prima di procedere all’acquisto è bene, come già specificato, valutare fattori come la qualità e la tipologia del filtro, il consumo, le prestazioni del dispositivo e la sua rumorosità.